Illustre Convegno presso l’Accademia Polacca a Roma

Lunedì 11 dicembre presso l’Accademia Polacca, di Roma, ha avuto luogo un convegno dal titolo “Ludwik Zamenhof 1859 – 1917”.

Sotto la sapiente regia del prof. Piotr Salwa, direttore dell’Accademia, dieci professori universitari hanno illustrato vari aspetti del tema:

Fabrizio Pennacchietti “Gli Zamenhof prima di L. Zamenhof”

Davide Astori “L’impegno sociale e politico di Zamenhof”

Nicola Reggiani “L’esperanto e l’idea di lingua universale (artificiale)”

Bernhard Tuider “Storia e diffusione mondiale dell’esperanto”

Javier Alcalde “Aspetti politici nella storia del Movimento esperantista”

Carlo Minnaja “Letteratura mondiale in esperanto, letteratura esperanto nel mondo”

Alicja Sakaguchi “Criteri per costruire lingue pianificate internazionali”

Ilona Koutny “Esperanto: dalla pianificazione di lingua di Zamenhof sino a lingua naturale”

Ida Stria “Lingua viva. Esiste una rappresentazione unica del mondo degli esperantisti?”

Federico Gobbo “Cent’anni dopo: la filosofia di Zamenhof e l’esperanto”.

Le lingue di lavoro sono state l’italiano e l’esperanto, sia per i contributi scientifici che per i successivi dibattiti che hanno arricchito ancor di più il valore dell’evento.

Al termine del convegno il prof. Salwa ha annunciato che l’Accademia polacca pubblicherà gli atti in edizione bilingue, per permettere ad un maggior numero di persone di poter conoscere le interessanti relazioni proposte.

La giornata – che attirato un pubblico vario e molto interessato – è stata completata presso l’Istituto di cultura Polacco, dove l’attore Mario Migliucci ha presentato, in italiano, una versione aggiornata del monologo “Dottor Esperanto” che ha emozionato gli oltre cinquanta spettatori, che hanno commentato con molta partecipazione l’evento durante il successivo rinfresco, durante il quale è stata anche presentato per la prima volta il libro “La vita di Zamenhof” traduzione dall’originale in esperanto di Korjhenkov, a cura di Cristina de Giorgi, edito per i tipi della Nemapress.

Un evento molto interessante, molto denso di contenuti, degno evento per onorare l’ideatore dell’esperanto, Lazzaro Ludovico Zamenhof.

(P)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *