Lettera del Presidente: 5‰ alla FEI

Care amiche, cari amici, soci e simpatizzanti,

desidero ringraziarVi per la Vostra decisione negli anni scorsi di indicare la FEI – codice fiscale 80095770014 – nella Vostra dichiarazione dei redditi, per l’assegnazione del 5 per mille delle vostre imposte.

Federazione Esperantista ItalianaGrazie a questa Vostra decisione nel 2017 abbiamo effettuato una vasta campagna pubblicitaria su Google – AdWords – e contribuito alla realizzazione di iniziative locali quali:

Bergamo: conferenze nelle scuole

Chiavari: evento per presentazione esperanto e lancio corso

Firenze: pubblicazione guida in esperanto dei Giardini di Boboli

Grosseto: acquisto di materiale pubblicitario per gazebo

Livorno: preparazione di materiale didattico per corsi nelle scuole

Mantova: libro parlato

Massa: convegno

Milano: seminario informativo

Parma: premio Canuto 2017 ‘

Pistoia: convegno su Zamenhof e U.Stoppoloni

Roma: pubblicizzazione corsi

Torino: seminario informativo

Tutto questo è stato possibile grazie alla Vostra generosità che il 5 per mille  rende possibile senza alcun aggravio di spesa per Voi. E’ sufficiente infatti che decidiate a chi deve andare il 5 per mille delle Vostre imposte, anziché lasciarlo decidere da altri.

Vi invito quindi a ricordarVi della FEI anche quest’anno! E se qualcuno di Voi l’anno scorso ha dimenticato di sceglierci, forza, quest’anno non dimenticateci, perché la FEI non è un ente astratto lontano, ma siamo tutti noi, tutti gli associati italiani! Nella Vostra denuncia dei redditi compilate quindi la prima casella in alto, a sinistra, della pare “5×1000”, indicando il codice fiscale 80095770014!

E se avete un parente, un amico disponibile provate a suggerirgli di offrire il suo 5 per mille. Non è necessario essere soci per farlo! Pensate a quante altre iniziative potremmo, potreste, finanziare con un maggior numero di donatori.

Si tratta di un bel sogno? Dipende solo da noi trasformarlo in solida realtà.

Grazie a tutti per la collaborazione e… al lavoro!

 la presidente

 Michela Lipari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *